mercoledì 15 novembre 2017

Un nuovo Pianeta delle Scimmie.

http://www.corriere.it/video-articoli/2017/11/14/libia-dramma-migranti-venduti-all-asta-come-schiavi/83a90d36-c955-11e7-8a54-e86623f761be.shtml






Ormai ci siamo, è acclarato che stiamo tornando al Medioevo, o anche più indietro, all’epoca del mercato degli schiavi. Il mondo pazzo del 2000 ci mostra fatti, pensieri, comportamenti degni di epoche antiche, senza industrie e informatica, senza video e telefoni, con solo padroni e schiavi. C’è da chiedersi se queste scene tremende davanti ai nostri occhi facciano il paio con le spaventose drammatiche catastrofi generate dalla Terra e dalla Natura, terremoti e uragani sembra che facciano a gara per diventare sempre più dannosi.
Da una parte l’uomo che con la sua stoltaggine e il suo cieco egoismo sta riducendo sempre più le ricchezze del Pianeta, sta modificando in maniera irreversibile il respiro del Pianeta, sta inquinando aria e acqua, terra e mare, sciogliendo i ghiacci, e preparando un futuro da Pianeta delle Scimmie, dall’altra lo stesso Pianeta pare voglia rispondere alla guerra dell’homo sapiens con le sue armi. Io sono troppo in là per vedere cosa succederà, così mi limito a ipotizzare scenari.

lunedì 6 novembre 2017

La Sicilia è sempre di destra

https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/11/06/regionali-sicilia-risultati-diretta-nello-musumeci-vince-cancelleri-attacca-vittoria-contaminata-dagli-impresentabili/3959872/







Bene, ha vinto la destra, la Sicilia continua ad essere di destra come nel 2001, l’anno dell’attacco alle torri gemelle in USA, allora c’era ancora l’effetto Berlusconi, e oggi? Ancora il Cavaliere Nero che non tira le cuoia fa danno, e la grande accozzaglia schifosa che unisce i razzisti della Lega con i figuri alla Sgarbi e alla Meloni, nella “bella” persona di Nello Musumeci, che neppure ha il coraggio di replicare a chi lo accusa di avere tanti impresentabili tra i candidati, ha vinto le elezioni, e si appresta a governare.
Tanto, o Crocetta o la destra, siamo lì, peccato non aver dato l’opportunità ai Cinque stelle, pur nella loro confusa verginità, di provare a rigare diritto.
Cinque stelle, che dovrebbero imparare a darsene un’altra, di stella, in certe occasioni, perché con la purezza dei magnifici isolati non ce la faranno mai. La sinistra, o quella parvenza che è ormai, sa sempre e solo dividersi, e a mio avviso ciò che domina i pensieri di tutti i politici è solo quello di mantenere la cadrega, la sedia, lo scanno ovunque sia. Capacità di analisi e strategia politica: nulla. Sarebbe bastato che Cancelleri avesse fatto alleanza con Claudio Fava per sbaragliare la merda. Sono il primo partito, già per fare cosa?

lunedì 30 ottobre 2017

Andrea sempre vivo





Un abbraccio ritrovato

io lo conoscevo Andrea Ballarò
l’ho conosciuto in quegli anni là
che eravamo compagni nella lotta
contro il fumo pestifero
che voleva la cricca dei Cuffaro…

e io ero più forte e convinto
sempre per lo stesso obiettivo
di un mondo migliore, più pulito
lo stesso vissuto negli anni 60
che qui ritrovavo per la gestione dei rifiuti…

e lui con quel mezzo sorriso
un po’ mesto un po’ trattenuto
sempre e comunque con parole nette
pronto a discutere con chiunque
era lì saldo compagno di lotta…

aveva appena sofferto problemi
con il lavoro, con la moglie, con il cuore
ma era sempre pronto in prima fila
e io la sola cosa che potevo dirgli
era sempre la stessa: non fumare!

poi, io ho fatto un passo indietro
avvolto nei miei di problemi
e l’avevo perso di vista
anche se seguendone sempre
dal pc di casa le sue gesta…

nell’aprire e chiudere i Cobas
nello sfilare con striscioni e bandiere rosse
nel mescere drink al Malaussene
solo un paio di volte ci siamo riabbracciati
nel corteo ormai rituale di Cinisi…

poi ecco che l’ho ritrovato
nell’enorme abbraccio di stima e di affetto
giunto da ogni parte del mondo
di quel mondo di gente giusta
che insieme a lui ha saputo agire…

che continuerà a farlo convinta
tenace e irriducibile come lui
e che insieme a me grida con forza
che come il Che, anche se più modestamente
Vivrai per sempre caro compagno Andrea!

mercoledì 18 ottobre 2017

https://youtu.be/IkGoD77BN-0

Uomini peggio delle bestie

http://www.huffingtonpost.it/2017/03/22/violenza-sessuale-torino-vittima-grida-solo-basta_n_15537356.html?utm_hp_ref=italy
http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2017/10/13/danno-poi-frignano-libero-infuriare-asia-argento_YY6pN5ogBsHvUcReVBRdjK.html

http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/13264562/renato-farina-asia-argento-differenza-stupratore-sporcaccione.html

http://www.repubblica.it/spettacoli/people/2017/10/18/news/caso_weinstein_asia_argento_via_dall_italia_tornero_quando_le_donne_potranno_combattere_insieme_-178587517/




    Il caso recente del mega produttore Weinstein, definito da Asia Argento un “predatore seriale”, porta alla ribalta dell’attenzione mondiale un modo d’essere, di alcuni uomini, nei confronti della donna, che è il prodotto di una cultura, o meglio noncultura, maschilista, reazionaria e quasi fascista, che da sempre domina i rapporti fra i due sessi.
    Nel tempo qualcosa è mutato, e forse il numero degli uomini predatori è diminuito, ma sempre ne restano tantissimi, di ogni ceto, religione e stato sociale, nonché di ogni età e professione. Il fatto della coraggiosa, seppur tardiva denuncia di Asia Argento, che ha dato la stura ad altre innumerevoli denunce di donne che hanno trovato lo stesso coraggio di esporsi, malgrado le critiche e i commenti di chi è ancora schiavo di comportamenti ignobili, ne è la conferma più eclatante nelle parole di individui beceri come quelli del giornalaccio Libero ( mai nome e significato sono stati più infangati e arbitrariamente usati), come si può vedere dai link qui sopra.

   Individui, se tali possono essere definiti, come i Feltri, i Farina, i Belpietro, i  beceri esponenti di una non cultura di destra, arruolati nella corte del sempre vivo Cavaliere Nero, (che come un novello Faust, avendo venduto
 l’anima a Satana è ancora qui a impestare il creato), sfogano tutto il loro bagaglio di schifezze, d’ideologie razziste, maschiliste, aggredendo impietosamente chi è stata vittima, per una volta ulteriore, senza dare alcuna possibilità di spiegazione, senza essere in grado della minima comprensione.
Certo che se anche la Giustizia si comporta secondo canoni maschilisti, come il caso di Torino  sopra linkato,  ancora è lunga la strada.
 

 Dopo la denuncia di Asia, come lei mi auguro che ne vengano mille altre, per un inizio di rivoluzione culturale che significherebbe un passo avanti nella coscienza collettiva, e un recupero del grave danno che il ventennio berlusconiano ha causato nel sentire collettivo di un popolo ancora non affrancato da ideologie fasciste, leghiste e razziste. Me lo auguro da un punto di vista maschile che ha sempre respinto il comportamento macho e prevaricatore di altri uomini, meno evoluti.