sabato 31 maggio 2014

Per il M5S la vedo brutta.

http://www.iltempo.it/politica/2014/05/30/donne-inferiori-i-gay-sono-malati-ecco-a-voi-farage-l-alleato-di-grillo-1.1255441


I due allegroni della Nuova Europa. Leggete nel link sopra chi è il simpatico Farage.



E’ proprio vero che al peggio non c’è mai fine. E che fine, che brutta fine, rischia di fare il glorioso Movimento 5 Stelle. I duri e puri, che non dialogano con nessuno, che combattono strenuamente tutti i partiti, che considerano i socialdemocratici di Renzi il nemico principale, ecco che ora sono pronti ad allearsi, strumentalmente dicono, con quel UKIP di Nigel Farage, che è più vicino a Marine Le Pen e alla Lega di Salvini, che alla destra berlusconiana. E basti questo.
Poi il fatto che il “simpatico” Farage sia un pochino razzista, favorevole al nucleare, consideri i gay malati e le donne inferiori buone solo per far figli, è tutta robetta insignificante. Ciò che conta per il leader massimo, Grillo sparlante, è che anche loro sono contro l’Europa, e tanto basta per fare alleanza. Certo è un po’ come Renzi che dialoga con l’Anima Nera di Arcore per fare le riforme, ma come si è visto nelle elezioni europee, quella dello Sveglione Matteo è una strategia furba che paga, mentre quella di Grillo, secondo il mio modesto parere, può solo aumentare progressivamente lo sfacelo del suo movimento. 
L’ho detto più volte: Lui ha il merito di averlo fondato, di aver favorito con la sua abilità istrionica l’elezione dei deputati e senatori, ma ora che ha perso lucidità dovrebbe farsi da parte e lasciare che camminino con le loro gambe, e ragionino con la loro testa. Veramente assurdo, inconcepibile per chiunque abbia un minimo di cervello assistere all’impossibilità, in ogni condizione, di allearsi con il PD per una politica più rigorosa e pulita, ed essere pronti a farlo con un esponente di valori squallidi come il Farage. 
Aspetto di vedere come reagiranno concretamente i più illuminati del M5S, amici come il senatore Giarrusso, già compagno di lotte per Rifiuti Zero, e per l’Acqua Pubblica, ecc.  Certo anche Stalin fece accordi con Hitler, strategici, che salvarono l’URSS e favorirono poi la fine del nazismo, ma vuoi mettere la statura politica di uno Stalin con quella del Beppe svanito, o del Casaleggio filosofo?