giovedì 1 marzo 2012

la Val di Susa deve schiattare

"Assalto al cantiere o caos a Torino" gli irriducibili si dividono sulla strategia - Repubblica.it
Quale sarà la risposta? La frase rivelatrice la pronuncia ancora una volta Alberto Perino, leader dell'ala valligiana, all'assemblea serale convocata alla rampa autostradale di Chianocco, nuovo luogo simbolo della protesta. "Siamo pronti a organizzare flash mob e altre azioni improvvise. Per dare fastidio a chi ci considera un parco giochi o una riserva indiana da spremere"

Incredibile! Di fronte alla situazione drammatica, caotica, da non sottovalutare, si assiste ai commenti  più banali e stolti che un politico possa sputare: Roberto Cota, presidente PDL regione piemonte-"non si sale sui tralicci", memore di quello che gli diceva la mamma "non si mettono le dita nel naso". Piero Fassino, sindaco PD di Torino-"il movimento No Tav aveva radici nella comunita' della valle, ora ci sono provenienze da altre regioni e diverse realtà" Come dire che non è giusto che ci sia ampia solidarietà e sostegno da tutti coloro che lottano in questo Paese per una giusta causa, qualunque essa sia. L'autorevole esponente-excomunista- ha dimenticato i valori della solidarietà di classe e di lotta.

Mentre questi "testimonial" della pochezza politica attuale parlano a vanvera, non si ode voce o commento da parte del presidente del consiglio e intanto impazza la puntuale strumentalizzazione ad uso della pubblica opinione, sempre attuata in occasione di manifestazioni imponenti e destabilizzanti (vedi G8 Genova, coirteo indignati a Roma ecc). In questo caso si utilizza la sceneggiata del manifestante No Tav ( ma lo è veramente?) che provoca stupidamente e senza alcun timore un carabiniere in assetto da antisommossa, abilmente ripresa in un video che diventa il leitmotiv di tutta la protesta della Val di Susa. Chi, nella sua vita, ha manifestato almeno una volta in condizioni di confronto duro con la polizia sa benissimo che un'azione del genere ti può passare liscia in un primo momento quando non è ancora arrivato l'ordine di caricare, perchè poi l'ardito coraggioso verrebbe inseguito e stanato senza misericordia. Tutta la faccenda puzza.